Benvenuti nel sito ufficiale
di
GIUSEPPE ORSENIGO

Artista| Pittore | Scultore

.full-width-58ade8f29b3f9 { min-height:100px; padding:0px 0 0px; margin-bottom:0px; background-color:#0a0a0a; } #background-layer--58ade8f29b3f9 { background-image:url(http://www.giuseppeorsenigo.it/wp-content/uploads/2014/09/giuseppe-orsenigo-02.jpg); background-position:center center; background-repeat:repeat; ; } .full-width-58ade8f29b3f9 .mk-fancy-title.pattern-style span, .full-width-58ade8f29b3f9 .mk-blog-view-all { background-color: #0a0a0a !important; }

BIOGRAFIA

Nato a Cantù nel 1948 ha frequentato l’Istituto d’Arte di Cantù, diplomandosi Maestro d’Arte. La sua attività artistica risale ai primi anni Sessanta, ma sino al 2001 si è rifiutato di esporre in pubblico le sue opere. Per Orsenigo questi “trent’anni di segreto lavoro, quasi al riparo da occhi indiscreti, o da giudizi frettolosi e intempestivi”, come scrive il noto critico Morando Morandini, sono serviti per affinare il suo stile pittorico definito “ la firma della sua volontà di fare e di esprimersi”. Esperto conoscitore delle tecniche della lavorazione del legno, svolge da oltre quarant’anni la professione di designer dirigendo un laboratorio artigiano. Dal 2001 ha esposto le sue opere in numerose personali, tra cui una retrospettiva allo “Spazio Guicciardini” di Milano, ad Aosta in due occasioni alla Saletta d’arte comunale e alla Torre dei signori di Sant’Orso, a Milano al Nuovo Spazio Aleph, Rosso Lacca, Galleria Zamenhof, a PortoVenere alle Fondamenta della Chiesa di San Pietro e al Castello Doria , a La Thuile Albergo Planibel e Spazio Aiat , a Saint-Vincent Salone delle Terme , a Figino Serenza Villa Ferranti , a Cantù palazzo La Permanente Mobili, a Como Spazio Espositivo San Pietro In Atrio , a Mariano Comense Galleria Mauri , a Vertemate con Minoprio Fondazione Minoprio e Rcm Arredamenti, a Menaggio Sala Consiliare, Venezia Palazzo Zenobio. Diverse anche le collettive in IItalia e all’estero: Ferrara Castello degli Estensi, Chiostrino di Sant’Anna, Palazzo della Racchetta, Massa Carrara Castello Malsaspina, Lecce Castello Carlo V, Imperia Pinacoteca, Soleto Porta San Vito, Miilano Galleria Zamenhof, Archivi del 900, Artisti Quartiere Garibaldi, Fondazione Sassetti, La Permanente, Palazzo della Triennale, Palermo I Biennale Internazione d’Arte, Innsbruck, Nimes, Parigi e New York. Di lui si sono interessati quotidiani e televisioni nazionali , fra cui “Rai3”, La Stampa, Avvenire, Il Giornale,Magazine di Repubblica America, La Provincia di Como, ,Il Corriere di Como. Le sue opere sono pubblicate nel volume “Post-Avanguardia” dell’Editoriale Giorgio Mondadori (2010) e si trovano presso: Aiat Aosta, Terme di Saint-Vincent, Comune di PortoVenere, Galleria Mauri, nonché , in collezioni private. Di lui hanno scritto: Laura e Morando Morandini, Gianni Pre, Franco De Faveri, Giuseppe Possa, Alessandra Masseglia, G.Vicentini, Corrado Cattaneo , Vittoria Colpi, Lorenzo Morandotti, Davide Corsetti, Paolo Levi, Virgilio Patarini, Alberto Longatti.

Da volume “Post-Avanguardia” Cairo Editore – Giorgio Mondadori…”Le suggestioni suscitate dall’arte di Giuseppe Orsenigo sono date dall’intrecarsi di riminiscenze espressionistiche con un impianto sostanzialmente informale, gestuale e materico. Allusioni figurali si inseriscono in un impaginato complesso, sotto forma di sembianze che sfumano in atmosfere nebulose, e quindi in un’insondabile proiezione onirica, senza tuttavia contrastare la ricchezza cromatica del contesto visivo”… Paolo Levi

…. “Ogni opera di Orsenigo è l’esplosione di un mondo. Ogni volta un nuovo mondo, in un gioco differente di razionalità ed emozione, di sogni affestellati , scomposti e ricomposti e di concreti, puntuali riferimenti alla realtà. Con colpi di scena e alzate di ingegno uniche e spiazzanti. Come ad esempio nell’opera intitolata “Psicanalisi”: una lastra quadrata di metallo nero, un metallo cangiante alla luce, lucido e opaco allo tempo stesso, con al centro un buco, e dentro quel buco, in profondità di qualche centimetro nel buio, una minuscola superficie di specchio infranto e ricomposto, in cui, non chiunque, ma solo il fruitore più curioso e impertinente, o forse semplicemente più attento, può scorgere se stesso: il proprio volto, il proprio occhio infranto e ricomposto. Un’opera così, che coniuga Fontana e Pistoletto (e che li supera, almeno in sense of hmour), basta sola a sancire la statura di un artista”….. V. Patarini

.full-width-58ade8f29d25e { min-height:100px; padding:0px 0 0px; margin-bottom:0px; background-color:#0a0a0a; } #background-layer--58ade8f29d25e { background-position:left top; background-repeat:repeat; ; } .full-width-58ade8f29d25e .mk-video-color-mask{ background: #000000; /* Old browsers */ background: -moz-linear-gradient(-45deg, #000000 0%, #9e8e19 100%); /* FF3.6+ */ background: -webkit-gradient(linear, left top, right bottom, color-stop(0%,#000000), color-stop(100%,#9e8e19)); /* Chrome,Safari4+ */ background: -webkit-linear-gradient(-45deg, #000000 0%,#9e8e19 100%); /* Chrome10+,Safari5.1+ */ background: -o-linear-gradient(-45deg, #000000 0%,#9e8e19 100%); /* Opera 11.10+ */ background: -ms-linear-gradient(-45deg, #000000 0%,#9e8e19 100%); /* IE10+ */ background: linear-gradient(135deg, #000000 0%,#9e8e19 100%); /* W3C */ filter: progid:DXImageTransform.Microsoft.gradient( startColorstr="#000000", endColorstr="#9e8e19",GradientType=1 ); /* IE6-8 fallback on horizontal gradient */ } .full-width-58ade8f29d25e .mk-fancy-title.pattern-style span, .full-width-58ade8f29d25e .mk-blog-view-all { background-color: #0a0a0a !important; }

OPERE

Ecco una selezione dei migliori lavori

.sortable-id-58ade8f2b00c0.sortable-outline-style { background-color:#1a1a1a; } .sortable-id-58ade8f2b00c0.sortable-outline-style a { color:#cccccc; } .sortable-id-58ade8f2b00c0.sortable-outline-style a.current { border-color:#cccccc !important; }
.full-width-58ade8f29ef20 { min-height:100px; padding:0px 0 0px; margin-bottom:0px; background-color:#0a0a0a; } #background-layer--58ade8f29ef20 { background-position:left top; background-repeat:repeat; ; } .full-width-58ade8f29ef20 .mk-video-color-mask{ background: #000000; /* Old browsers */ background: -moz-linear-gradient(-45deg, #000000 0%, #9e8e19 100%); /* FF3.6+ */ background: -webkit-gradient(linear, left top, right bottom, color-stop(0%,#000000), color-stop(100%,#9e8e19)); /* Chrome,Safari4+ */ background: -webkit-linear-gradient(-45deg, #000000 0%,#9e8e19 100%); /* Chrome10+,Safari5.1+ */ background: -o-linear-gradient(-45deg, #000000 0%,#9e8e19 100%); /* Opera 11.10+ */ background: -ms-linear-gradient(-45deg, #000000 0%,#9e8e19 100%); /* IE10+ */ background: linear-gradient(135deg, #000000 0%,#9e8e19 100%); /* W3C */ filter: progid:DXImageTransform.Microsoft.gradient( startColorstr="#000000", endColorstr="#9e8e19",GradientType=1 ); /* IE6-8 fallback on horizontal gradient */ } .full-width-58ade8f29ef20 .mk-fancy-title.pattern-style span, .full-width-58ade8f29ef20 .mk-blog-view-all { background-color: #0a0a0a !important; }

L’orchestra di materiali negli assemblaggi di Giuseppe Orsenigo

Un intrigante spirito pop anima e sostiene le tecniche miste di Giuseppe Orsenigo.

I temi sono quelli del quotidiano e del mito, trattati con una manualità da artigiano di altri tempi e con l’estro esplicito o ambiguo dell’assemblatore contemporaneo.

Ne risulta una sorta di materiali-strumenti concentrati da uno stregonesco compositore, che contrappunta segno, colore, metallo, plastica, legno in una serie di orditi musivi, giostrati tra passato e presente, fra spaccati urbani e della Natura e metafore delle tante vicissitudini, che si agitano nei dedalici labirinti dell’animo umano.

.button-58ade8f300cf2 { margin-bottom: 0px; margin-top: 0px; min-width: 0px !important; }

Da catalogo POST AVANGUARDIA editoriale GIORGIO MONDADORI
Edito da CAIRO EDITORE 2010, Virgilio Patarini

Giuseppe Orsenigo è il prototipo dell’artista post-moderno. In lui c’è un impulso irrefrenabile ad una sintesi estrema di elementi lontani tra loro, apparentemente incongruenti, discordanti. La contaminazione per l’artista canturino è una seconda natura, un habitus mentale che è diventato una seconda pelle.

Egli usa di tutto per le sue composizioni: fotografia, disegno, pittura, disegno geometrico, materiali di ogni tipo come metallo, legno, resine, carte applicate. Spesso i suoi quadri sono veri e propri bassorilievi, con bombature metalliche, parti in rilievo, aggettanti. Gli elementi figurativi si mischiano a quelli informali, l’uso pop di fotografie tratte da riviste patinate si alterna a guizzi geniali di arte provocatoria e concettuale, in una ridda ubriacante di riferimenti, citazioni, allusioni, capaci di conciliare la dimensione onirica e delirante del mito con la quotidianità.

Ogni opera di Orsenigo è l’esplorazione di un mondo. Ogni volta un nuovo mondo, in un gioco differente di razionalità e emozione, di sogni affastellati, scomposti e ricomposti e di concreti, puntuali riferimenti alla…

.button-58ade8f30479c { margin-bottom: 0px; margin-top: 0px; min-width: 0px !important; }

Alessandra Masseglia Aosta gennaio 2003

Nel suo percorso di ricerca Giuseppe Orsenigo, artigiano in immagini come è stato definito ma a buon diritto artista, continua a stupire, catturando l’occhio e la mente di chi si sofferma davanti alle sue opere, esposte in questi giorni presso la Torre dei Signori di Sant’Orso alle Porte Praetoriane, interrogandosi inevitabilmente su quell’intreccio di sengi, figure appena accennate, materiali diversi, colori che sfumano: Che cosa racchiude l’espressione di questo originale,per certi versi geniale artista, che cosa tendono a svelare le sue opere è quasi un enigma, è il mistero della vita. Un desiderio di decifrare attraverso lo scorrere del tempo, di colmare vuoti affiora dalle sue tele, piccole come tasselli di un mosaico o tanto grandi da riempire pareti. La sua pittura è in continua trasformazione, si fa meno astratta e dalle sue ultime composizioni, affiorano, come in un sogno, corpi di animali, figure e volti sfumati. Orsenigo è giunto alla sua quinta esposizione qui in valle, riscuotendo sempre consensi che ne confermano le qualità artistiche.
.button-58ade8f308cdb { margin-bottom: 0px; margin-top: 0px; min-width: 0px !important; }
#mk-edge-slider-58ade8f2f0307 { background-color: #000000; }

Uno dei più autorevoli teorici delle forme, il decano dei critici d’arte italiani Gillo Dorfles, ha sempre insistito sulla necessità di guardare a fondo l’opera d’arte, sondarla nelle sue componenti, anziché limitarsi ad esaminarne linee e colori; percepirne artifici, metodologie, stratagemmi manuali.

– Alberto Longatti

.full-width-58ade8f3093cd { min-height:100px; padding:0px 0 0px; margin-bottom:0px; } #background-layer--58ade8f3093cd { background-image:url(http://www.giuseppeorsenigo.it/wp-content/uploads/2016/01/giuseppe-orsenigo_006.jpg); background-position:center center; background-repeat:no-repeat; position: fixed;; }
.full-width-58ade8f30aa72 { min-height:100px; padding:10px 0 10px; margin-bottom:10px; } #background-layer--58ade8f30aa72 { background-position:left top; background-repeat:repeat; ; }

News ed eventi

  • Eventi e news sul mondo di Giuseppe Orsenigo.

.full-width-58ade8f31d1ca { min-height:100px; padding:0px 0 0px; margin-bottom:0px; background-color:#c9c9c9; border:1px solid #5e5e5e;border-left:none;border-right:none; } #background-layer--58ade8f31d1ca { background-position:left top; background-repeat:repeat; ; } .full-width-58ade8f31d1ca .mk-fancy-title.pattern-style span, .full-width-58ade8f31d1ca .mk-blog-view-all { background-color: #c9c9c9 !important; }

Contatti

.full-width-58ade8f323fbe { min-height:100px; padding:0px 0 0px; margin-bottom:0px; } #background-layer--58ade8f323fbe { background-position:left top; background-repeat:repeat; ; }

Not readable? Change text. captcha txt